“Bambini e nuove tecnologie”

Perché avvicinare il bambino della scuola dell’infanzia al computer? Che senso ha? Quale utilità ne ricava il bambino?

“Per imparare a produrre senso e significato è necessario avvalersi anche dalle nuove tecnologie e poiché queste potenziano la struttura narrativa , l’incontro con la fantasia, con la creatività, con la logica, suscitano quella consapevolezza di sé e quella forte carica emozionale necessarie all’apprendimento e alla relazione con il mondo circostante” (Bruner)

“I bambini possono esprimersi in linguaggi differenti: con la voce, il gesto, la drammatizzazione, i suoni, la musica, la manipolazione e la trasformazione dei materiali più diversi, le esperienze grafico – pittoriche, i mass – media, ecc… Il bambino si confronta con i nuovi media e con i nuovi linguaggi della comunicazione, come spettatore e come attore. La scuola può aiutarlo a familiarizzare con l’esperienza della multimedialità, favorendo un contatto attivo con i media e la ricerca delle loro possibilità espressive e creative” (dalle Indicazioni per il Curricolo).

Noi sappiamo che fin dalla nascita il bambino viene a contatto con varie forme di linguaggi attraverso il telefono, la radio, la televisione, la telecamera, la macchina fotografica fino ad arrivare al computer, tutte forme di linguaggi ancora lontani dall’alfabetizzazione formale. Per questo motivo è importante iniziare un percorso multimediale con i bambini della scuola dell’infanzia che, non ancora alfabetizzati sono grandi conoscitori di immagini e suoni. Oggi il bambino non impara solo leggendo, ma ascoltando, vedendo, costruendo, provando, scoprendo e giocando. La multimedialità offre al piccolo una dimensione ludica dandogli la possibilità di agire con i suoni, con le immagini, con le animazioni, di effettuare scelte. Qualsiasi progetto può avvalersi delle “nuove” tecnologia, maneggiata dai nostri bambini quotidianamente. L’idea è quella di creare anche con l’uso degli strumenti multimediali, un clima di aiuto reciproco, di partecipazione comune ad un unico progetto, favorendo la crescita di intensi rapporti interpersonale.

Definizione degli obiettivi:

  • Primo approccio dei bambini all’uso guidato di alcune tecnologie.
  • Rendere autonomi i bambini nella gestione di alcuni spazi allestiti con mass-media.
  • Favorire lo stare bene insieme e lo scambio di competenze.
  • Coinvolgere i bambini nella documentazione di un progetto.
  • Potenziare le capacità logico deduttive, di coordinamento, verbali e manuali.
  • Rispetto e valorizzazione delle attitudini individuali per una crescita personale e comunitaria.

Tempo:

Si presume che il progetto possa diventare parte della quotidianità della sezione. Verrà quindi iniziato dopo gli inserimenti, per esempio a ottobre e portato avanti per l’intero anno scolastico.

Il computer è solo uno degli strumenti intellettuali a nostra disposizione, non l’unico né il migliore. Il computer ci permette di esplorare con i bambini, in maniera sinergica con gli strumenti “tradizionali”. Di volta in volta si valuterà l’opportunità e il valore aggiunto del suo utilizzo.